AGGIORNAMENTI E NOTIZIE

IL DISTRETTO 2090

Il Distretto 2090, che comprende quattro regioni italiane (Abruzzo, Marche, Molise e Umbria) e uno Stato estero (l’Albania) è nato nel 1984-‘85 a seguito della divisione dell’allora Distretto 208, che comprendeva il Lazio, la Sardegna, l’Umbria, le Marche, l’Abruzzo e il Molise. La divisione affidò al Distretto 208 il Lazio e la Sardegna, assegnando al nuovo Distretto 209 il restante territorio dove il Rotary era già capillarmente diffuso grazie a Club presenti e operanti nelle quattro regioni. L’attuale denominazione di Distretto 2090 fu necessaria a seguito dell’informatizzazione del sistema gestionale, che richiese l’inserimento di numeri a quattro cifre, per tutti i Distretti del mondo. Dal 1 luglio 2011 l’Albania non fa più parte del Distretto 2090.

 

  • Propagare comprensione reciproca, buona volontà e pace fra nazione e nazione attraverso il diffondersi nel mondo di rapporti d’amicizia fra gli esponenti delle varie attività economiche e professionali, uniti nel comune proposito e nella volontà di rendersi utili agli altri.

PRESENZA ROTARIANA NEL DISTRETTO

28 CLUB NELLE MARCHE
19 CLUB IN ABRUZZO
16 CLUB IN UMBRIA
5 CLUB IN MOLISE

PROGRAMMA VIRGILIO

Professionalità Rotariane a supporto di neoimprenditori e rapporto scuola, lavoro e impresa.

Assiste la nuova imprenditoria nell’avviamento dell’attivita’ dal 1997.

    • Posizionamento strategico
    • Ingresso nel mercato
    • Consolidamento organizzativo
    • Impostazione economica

Opera con professionisti rotariani come tutori volontari in qualsiasi settore e con flessibilità e senza burocrazia,

LE VIE DI AZIONE DEL ROTARY

Secondo un positivo pragmatismo Americano il Rotary, fin dalla sua nascita nel 1905, si è dato regole chiare e precise.

Alcune sono rimaste, altre sono cambiate per adeguarsi e, come diceva il nostro Fondatore Paul Harris, anticipare la realtà in continua evoluzione.

Lo scopo del Rotary è di diffondere l’ideale del servire come motore di ogni attività. In particolare:

 

  • Sviluppare relazioni d’amicizia fra i Rotariani per renderli meglio preparati a servire l’interesse generale.

 

  • Promuovere correttezza e onestà negli affari e nelle professioni; riconoscere la dignità e l’utilità di tutte le occupazioni utili e far sì che esse vengano esercitate nella maniera più degna, come mezzi per servire la comunità.

 

  • Orientare l’attività privata, professionale e pubblica dei Rotariani al concetto di servizio.

 

  • Propagare comprensione reciproca, buona volontà e pace fra nazione e nazione attraverso il diffondersi nel mondo di rapporti d’amicizia fra gli esponenti delle varie attività economiche e professionali, uniti nel comune proposito e nella volontà di rendersi utili agli altri.

È l’impegno di ogni Rotariano per contribuire al buon funzionamento del suo Club.
È il modo in cui il Rotary promuove e incoraggia i Club e i singoli Rotariani all’applicazione pratica dell’ideale del servire nell’espletamento di ogni professione.
Il Progresso Umano attraverso programmi di assistenza e aiuto a chi è in difficoltà.

Contributo al miglioramento della Comunità Locale

Azioni di Pubblico Interesse Mondiale, attività Educative e Culturali Internazionali, Riunioni, Eventi e Ricorrenze Internazionali.
Mira a contribuire alla preparazione delle Nuove Generazioni, a migliorarne le proprie capacità per un futuro migliore, loro e della Comunità locale e mondiale.

PROGETTO FENICE

Facciamo rinascere le zone colpite dal sisma

Progettare un intervento a favore delle zone colpite dal sisma del 24 agosto scorso non è stato facile, ancora più difficile è diventato il compito dopo le scosse del 26 e soprattutto del 30 ottobre, che hanno esteso notevolmente i territori colpiti, spostandosi verso nord soprattutto nei territori delle provincie di Perugia e Macerata.

END POLIO NOW

Nel 1985 il Rotary International ha lanciato il programma PolioPlus, un impegno ventennale per l’eradicazione della poliomielite. PolioPlus è uno dei più ambiziosi programmi umanitari che siano mai stati intrapresi da un’entità privata. Rimarrà come un esempio di collaborazione privato-pubblico nella lotta alle malattie anche per il 21° secolo.

Di pari passo con la crescita del programma di eradicazione della poliomielite, sono cresciuti l’impegno e il coinvolgimento del Rotary. A partire dal 1990, il Rotary ha spostato la sua azione dalla fornitura di vaccino ai Paesi in via di sviluppo al supporto a coloro che si occupano dell’assistenza sanitaria sul campo, addestrando il personale di laboratorio a riconoscere il virus e lavorando con i governi di tutto il mondo nella storica campagna per la salute. L’obiettivo del Rotary è l’eradicazione totale della poliomielite, obiettivo molto vicino poiché mancano da vaccinare solo 4 paesi.

SERVICE SUL TERRITORIO

Il Rotary Club di Spoleto promuove in modo costante le attività di service sul proprio territorio con lo scopo di valorizzare e promuovere le bellezze locali.

Tra le varie attività spicca di nota il restauro della fontana di piazza del Mercato con interventi di ripulitura da patine biologiche,  stuccatura delle superfici lapidee al fine di arrestare fenomeni di infiltrazione delle acque meteoriche, disinfestazione con relativa rimozione delle concrezioni di carbonato di calcio e l’applicazione dei necessari materiali protettivi atti a garantire la durata dei risultati conseguiti.

Paul Percy Harris (Racine, 19 aprile 1868 – Chicago, 27 gennaio 1947)

Il Rotary offre l’opportunità di servire nei modi e negli ambiti in cui ognuno è più propenso.

Il potere di un’azione combinata non conosce limiti.

Paul Harris

Convention 1946, Atlantic City

L’amicizia, come la felicità, è spesso sfuggente quando è cercata per se stessi, mentre resta, anche non cercata, negli uomini quando lavorano insieme per una causa valida

Paul Harris

Convention 1922 di Los Angeles

Cerchiamo di non esporci alle critiche vantandoci delle nostre realizzazioni. Il Rotary è in grado di coltivare un senso molto più fine. Le buone azioni non hanno mai bisogno di pubblicità.

Paul Harris

Convention 1923